I profumi, i colori e le note di Chopin

Così si è presentata la Polonia giovedì 26 maggio a Milano, nel corso di un evento che ha sottolineato quanto il Paese abbia saputo accogliere i cambiamenti, trasformandoli in opportunità.
Spazi postindustriali rivitalizzati, atmosfere liberty, grattacieli, ma anche aree verdi e arte contemporanea si sono fatti strada in molte città polacche. Esempio fra tutti, la capitale, Varsavia.
In chiusura, un breve quanto toccante concerto di musiche di Chopin, eseguite al piano dal maestro italo-polacco Claudio Soviero.

Polonia underground

La Polonia ha dimostrato più volte, nel corso della sua storia, di saper accogliere il cambiamento.
I numerosi complessi industriali diffusi su tutto il territorio, memoria di un passato operoso e operaio, sono stati riconvertiti in musei o centri commerciali.
Spazi postindustriali rivitalizzati, atmosfere liberty e arte contemporanea si sono fatti strada in molte città polacche che, oggi, ostentano una ricchezza di colori e dettagli architettonici proiettata al futuro ma fermamente ancorata al passato.

È primavera. È tempo di Polonia

Con l’arrivo della bella stagione e delle giornate più solari, si risveglia anche la voglia di organizzare un long weekend o un breve soggiorno, in mete di prossimità che ci possano regalare sorprese naturalistiche, gastronomiche e culturali. E che ci sanno ancora stupire.
Per questo vi portiamo in Polonia che, proprio in primavera, sboccia in tutta la sua incredibile bellezza.