Monterosa Ski: estate chiusa in positivo a +7%

Un deciso aumento di fatturato ha segnato positivamente la chiusura della stagione estiva del grande comprensorio che si estende tra Piemonte e Valle d’Aosta abbracciando la Val d’Ayas, la Valle di Gressoney, la Valle di Champorcher e la Valsesia. Un’estate 2022 che ha visto non solo in ritorno degli stranieri lungo i suoi sentieri, ma anche l’avvicinarsi alla montagna di nuovi target, figli di un’epoca pandemica che ancora fa sentire la propria influenza sulle scelte e le abitudini dei consumatori.

Scarica allegati

FileDim.
doc cs09_22estate_MonterosaT&E94 KB

Per richiedere le foto in alta risoluzione inviare un’e-mail a info@openmindconsulting.it

Torino, 12 settembre 2022 – Con settembre e la chiusura dei rifugi di media montagna e sui ghiacciai, Monterosa Ski tira le somme di una stagione estiva fortemente positiva, complice anche l’apertura anticipata della stessa al 1° giugno scorso, decisione che ha permesso il raggiungimento dei rifugi in alta quota e l’anticipo di tutte le attività alpinistiche.

Il periodo preso in considerazione, dal 1° giugno al 5 settembre 2022, ha fatto registrare un consistente incremento di fatturato che si attesta sul +7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente per 162.000 persone trasportate dagli impianti in questa estate 2022 contro le 155.000 del 2021 (+4%).

La scelta di anticipare l’apertura della stagione al 1° giugno ci ha indubbiamente premiato perché ha permesso di allungare il periodo di fruizione dei rifugi in alta quota con il conseguente svolgimento delle attività alpinistiche, andando a compensare, almeno in parte, quanto, a quota 4000, abbiamo purtroppo perso in piena estate per le note condizioni climatiche, con un caldo anomalo che ha reso fragile l’ecosistema dei nostri ghiacciai e, quindi, a tratti pericoloso il loro attraversamento – conferma Paola Turchetti, responsabile commerciale e marketing di Monterosa Ski, che prosegue – al contempo, però, abbiamo visto un netto incremento delle presenze a quote più basse, sui nostri 2000-2400 metri, con numero di fruitori in decisa affermazione”.

Già la passata stagione, reduci da un inverno 2021 di restrizioni, la montagna aveva goduto di una notevole riscoperta da parte del target famiglie e coppie giovani. Il bisogno di spazi aperti, di distanza, di luoghi sicuri dal punto di vista sanitario, aveva condotto molti italiani a scegliere per le proprie vacanze o per long weekend i nostri monti. Alla luce di tutto ciò, l’ulteriore incremento del fatturato e del numero di presenze registrati nell’estate 2022 sono sintomo di una tendenza che va a consolidarsi e che “ci spinge a mettere sul mercato prodotti nuovi, a garantire trekking e passeggiate adatte a diverse tipologie di escursionisti. Abbiamo notato un deciso aumento delle presenze di nuclei famigliari che oggi approcciano la montagna anche per affrontare trekking e camminate con pernottamenti in rifugio e non solo per sciare”.

Target famiglia che va a sommarsi a quello delle coppie giovani, motivate dall’esigenza di vivere la montagna come strumento per aumentare il proprio benessere psico-fisico, godendosi cibo e aria buoni in contesti paesaggistici di indubbia bellezza. Una montagna che non è competitiva ma inclusiva e trasversale: “abbiamo prodotti, servizi e attività che accompagnano il nostro utente dai 1.500 metri agli oltre 4.000 di Capanna Margherita. Questo ci ha permesso di garantire un’estate 2022 davvero intensa, resa ancora più completa dai numerosi eventi che finalmente abbiamo potuto organizzare anche in quota – sottolinea Turchetti, che puntualizza come – a concorrere al successo della stagione che sta per chiudersi abbiano anche contribuito prodotti come il Tour des Six, trekking di media montagna di 3, 4, 7 giorni a cavallo tra la Valtournenche, la Val d’Ayas e la Valle di Gressoney, che ha visto la luce grazie alla volontà di 6 rifugi alpini valdostani che hanno unito le forze e che questa estate ha venduto ben 1.474 notti in soli 3 mesi, dal 15 giugno al 15 settembre!. Un dato riteniamo molto indicativo di quanto questo genere di prodotto e di esperienza stia trovando una sua precisa collocazione nelle abitudini dei consumatori”.

Importante, poi, il ritorno degli stranieri, soprattutto dal Nord Europa, mancati del tutto lo scorso inverno, sempre per via delle restrizioni pandemiche e dei quali Monterosa Ski attende una presenza massiccia nella prossima stagione invernale 2022-2023.

Un fatturato, quindi, che resta attivo e che permette di pianificare importanti interventi migliorativi per la prossima stagione alle porte: “oltre agli investimenti volti a garantire il mantenimento in esercizio degli impianti funiviari, proseguiranno i lavori di potenziamento del sistema di innevamento programmato, che ci permetterà di aprire il maggior numero di impianti e piste sin dall’inizio della stagione e di assicurare neve da inizio dicembre a metà aprile. Un impegno economico rilevante, che vogliamo porti al miglioramento complessivo dei servizi offerti, per restituire a chi sceglie Monterosa Ski, un’esperienza sciistica di valore”, conferma Paola Turchetti.

 

 

InfoPoint Visitmonterosa
Route Ramey 69, 11020, Champoluc AO
Tel. +39 0125 303111 / www.visitmonterosa.com

EVENTI

ALTRI EVENTI

CONTATTI

SCOPRI OPEN MIND CONSULTING

Vieni a conoscere il mondo di Open Mind Consulting, contattaci per avere maggiori informazioni sui servizi offerti.



Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016

Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa (Privacy Policy)

Acconsento a ricevere materiale pubblicitario inerente le attività, i servizi e prodotti di OPEN MIND CONSULTING SRL (Materiale Promozionale)

Acconsento a ricevere materiale informativo (c.d. newsletter)